“La mia passione per le parole e per i vocabolari nasce durante i miei primi 4 anni di lavoro, dal 1987 al 2001, collaborando con la società Video Italia e  l’Università per stranieri di Siena ad un progetto per l’insegnamento della lingua italiana attraverso supporti multimediali. Furono anni intensi sotto la guida scientifica del Professor Tullio De Mauro e la direzione  del Professor Massimo Vedovelli. Iniziai così ad aver a che fare con lemmi, occorrenze e voci che mi fecero comprendere l’importanza delle  parole.

La tutela di un prodotto agricolo a denominazione di origine è intimamente legata alla tutela delle parole che compomgono l’Indicazione Geografica ad esso associata. Ho sempre pensato che quando si parla di Grana Padano DOP o di Cappero di Pantelleria  IGP  tutti dovrebbero sapere che a queste parole corrisponde un significato ben preciso. Portare questi nomi dentro ad un vocabolario può costituire un passo importante in questa direzione, contribuendo ad maggiore conoscenza e  del patrimonio enogastronomico italiano a tutti i livelli. 

Nel gennaio 2018, grazie all’intelligenza e sensibilità del Professor Massimo Bray e del Presidente Cesare Gallo,  la mia idea si è potuta trasformare in un progetto fattivo in collaborazione con l’ Istituto dell’enciclopedia Treccani: è nata così Treccani Gusto, un contenitore editoriale per promuovere la cultura dei prodotti agroalimentari e vitivinicoli DOP IGP italiani ed il mondo rurale .”

 

Il 2018 è stato proclamato dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del Turismo e dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali l’Anno nazionale del cibo italiano. Lo scopo è quello di valorizzare i riconoscimenti Unesco legati al cibo e di promuovere i paesaggi rurali storici, per il coinvolgimento e la promozione delle filiere. Tutto ciò permetterà di ribadire il legame profondo tra cibo, paesaggio, identità e cultura, di riaffermare come il patrimonio enogastronomico faccia parte del patrimonio culturale.

Il giorno 11 gennaio 2018, l’Istituto dell’Enciclopedia Treccani, da oltre 90 anni punto di riferimento assoluto nella diffusione della cultura italiana, e la Fondazione Qualivita hanno annunciato la nascita di Treccani Gusto. L’obiettivo è quello di organizzare in un corpus organico le molteplici esperienze del mondo rurale italiano, al fine di renderle un patrimonio culturale accessibile al nostro Paese e al resto del mondo. La complessa ricchezza delle esperienze agroalimentari e vitivinicole, che le rende uniche e inimitabili, sarà oggetto di prodotti editoriali divulgativi capaci di raggiungere il variegato pubblico da sempre alla ricerca di un canale di conoscenza sul mondo rurale.

 

Nel dettaglio, Treccani Gusto sarà costituito da:

Una nuova edizione dell’Atlante Qualivita – L’Atlante Qualivita sulle produzioni agroalimentari e vitivinicole italiane DOP IGP STG, giunto alla IX edizione, si arricchisce del contributo editoriale Treccani e arriva nelle case degli italiani come cardine della conoscenza delle produzioni tipiche e dei relativi elementi distintivi.

Un magazine digitale – Una rivista pensata per coinvolgere i soggetti attivi sul territorio raccontando i diversi aspetti dell’ambito agricolo e alimentare, in relazione anche ad ambiti evoluti come il turismo.

Una banca dati, con glossario specialistico e ricettario – Il lessico e il patrimonio informativo delle produzioni di qualità e delle Indicazioni geografiche vengono riconosciuti come elemento consolidato della cultura italiana per essere tutelati e diffusi nel mondo attraverso l’eccellenza della banca dati digitale di Treccani.